Revolutionary Road di Richard Yates: che cos’altro ci vuole per fare un capolavoro?

Scrivere di Revolutionary Road di Richard Yates oltre cinquant'anni dopo la sua prima edizione, e pensare che ci possano essere persone che ancora in questo lasso di tempo non l'hanno letto (come ero d'altronde io sino a una settimana fa) sembra incredibile, come dice Richard Ford nella bella prefazione all'edizione di Minimum Fax del 2001 … Continua a leggere Revolutionary Road di Richard Yates: che cos’altro ci vuole per fare un capolavoro?

Può crearsi un "feeling" lettore-editore?

Mi sono domandato spesso se e quanto incida sulle scelte dei libri il fatto che siano stati pubblicati da una casa editrice invece che da un'altra. In altre parole, abbiamo predisposizioni d'animo differenti quando prendiamo in mano libri delle diverse case editrici, oppure ogni libro è "valutato" allo stesso modo sotto l'aspetto dell'acquistabilità sia che … Continua a leggere Può crearsi un "feeling" lettore-editore?