Cuore di Tenebra – Rassegna Ferai – Piccolo Auditorium

La bellezza e l’emozione di uno spettacolo teatrale unico, vista dall’occhio partecipe e preciso, quasi chirurgico nell’individuare e vivisezionare le emozioni, di Sabina Murru

s a b i n a m u r r u f o t o

Sono passati 8 mesi dall’ultima volta che ho assistito allo spettacolo teatrale Cuore di Tenebra, fuori c’è un freddo cane, neve fuori Cagliari ovunque e un vento gelido che ti spacca le labbra. Il mio pensiero va a Federica, Ga e Andrea, in un teatro dove il riscaldamento non esiste, mettere in scena praticamente nudi questa loro bellissima creazione. Fotografandoli si vedeva la pelle d’oca e il tremore della carne. Ho pensato che dopo averlo visto fra prove e spettacoli almeno una ventina di volte non mi avrebbe fatto più effetto…e invece no, Cuore di Tenebra ti arriva come una schioppettata in pieno petto, ti fa sentire il freddo della pallottola e poi il caldo del sangue che fuoriesce. Il pubblico entusiasta ha applaudito per diversi minuti questi tre piccoli Grandissimi Eroi che hanno messo in scena, anche questa volta qualcosa di sublime.

Cuore di Tenebra
15 gennaio 2017
Piccolo…

View original post 14 altre parole

Una di quelle domeniche

Oggi è il mio compleanno. Mentre faccio gli ultimi preparativi e aspetto che arrivino le 5 o 6 persone care che ho invitato, non posso fare a meno di pensare al mio amico R. e al fatto che stanotte, poco prima di mezzanotte, sua madre è morta. Compleanno e morte: inevitabile rimuginare sul tempo che … Continua a leggere Una di quelle domeniche