Tra santi e morti

Belle, le feste. Si stacca dalla routine quotidiana, e in questo periodo, poi, l’autunno invita a stare in casa, ma il tempo non è così inclemente da togliere l’illusione che lo stare in casa sia stata una libera scelta.

Andare a trovare i propri cari morti in cimitero non è sempre una cosa facile. Se non hai superato il distacco, se non hai elaborato il lutto, come dicono gli psicologi, lo strazio viene ogni volta rinnovato.

Insomma, spesso bisogna essere anche un po’ santi, per riuscire a fare visita ai morti. Ma, probabilmente, farsi forza e andare è un modo, forse tardivo, per elaborare il lutto, e accettare ciò che è stato (comprese tutte quelle parole non dette, che ora pesano come un macigno sulla coscienza e sul cuore).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...