Guest Post: Romina Tamerici – La dura vita dell’autore in cerca di un editore

Sono Romina Tamerici, una giovane scrittrice esordiente, e oggi sono qui su gentile invito di Carlo per parlarvi di come cercare un editore per il vostro libro. E perché ci sono io a parlarvi di queste cose? Ahimè non perché abbia trovato un editore per il mio terzo libro, ma proprio perché lo sto cercando e quindi sono nella stessa situazione di chi è ancora alla ricerca, e sto raccontando le varie fasi di questo impervio percorso in una rubrica del mio blog:  AAA Editore cercasi.

In effetti, cercare un editore è molto più difficile di quanto si pensa. Voglio dire, avete scritto il vostro libro, l’avete riletto subito tutto di un fiato, poi di nuovo per correggere gli errori. L’avete abbandonato per un po’ per poi riprenderlo e revisionarlo mille volte e ora pensate di meritare di vederlo pubblicato. Pensate che la fatica sia finita e invece si spalanca davanti a voi il magico mondo dell’editoria! Se volete escludere l’editoria a pagamento (che è proprio una piaga) vi restano varie possibilità: l’autopubblicazione, il POD (print on demand, come io ho pubblicato i miei primi due libri) o gli editori tradizionali.
La scelta migliore e più coraggiosa, secondo me, e quella di cui vi voglio parlare oggi è la ricerca di un editore tradizionale. Preparatevi a una lunga strada. Ora vi riporto sette passaggi che secondo me dovete seguire. Tenete però conto che non sono ancora arrivata alla fine! Per le fasi che ho già affrontato vi rimando con dei link a dei post più dettagliati scritti nel mio blog. 

Per contattare un editore in modo professionale dovete preparare un dattiloscritto corretto, una sinossi e una lettera di presentazione,

Non pensate di inviare a tutti gli editori italiani un vostro testo. Operate una scelta sensata, selezionando gli editori in base ai generi che pubblicano e al tipo di prospettive che possono offrirvi. Chiedete pareri e leggete guide, non affidatevi all’intuito. Non proponetevi con supponenza e ricordate che non c’è solo il vostro punto di vista, ma anche quello dell’editore.   

Può sembrare una logica conseguenza delle due fasi precedenti invece è accompagnata da paure che possono portarvi a desistere, quindi cercate di non demordere e di lanciarvi.
(Io sono arrivata fin qui e da poco, ma man mano che proseguirò la strada scriverò nuovi post quindi tornate a trovarmi se questi vi sono piaciuti).

  • Prepararsi all’attesa.

Non iniziate a “tampinare” gli editori chiedendo che ne è stato del vostro “capolavoro”. Il tempo per una risposta varia da un mese a sei mesi o più. In genere sulle guide per la ricerca degli editori (come quella di cui parlo nel post sulla selezione degli autori) c’è indicato un tempo medio di attesa.

  • Imparare ad accettare un rifiuto.

Vi auguro che non vi capiti mai, ma statisticamente è probabile che vi capiterà, quindi preparatevi psicologicamente a lettere che vi diranno che il vostro libro è bellissimo ma che per un qualche motivo non è pubblicabile. È fondamentale essere pronti a tale eventualità perché altrimenti potreste desistere e invece dovete continuare a credere nel vostro testo.

  • Valutare un contratto editoriale.

Quando vi arriverà una risposta positiva, potreste essere troppo felici ed euforici per riflettere, quindi pensateci per qualche giorno e valutate attentamente il contratto. Prestate soprattutto attenzione alle clausole sulle percentuali dei diritti d’autore o sui diritti che voi continuerete ad avere sulla vostra opera. 

  • Accettare l’editing.

Anche quando avrete trovato un editore potrete ancora rischiare di perderlo se non saprete accettare i suoi consigli di editing. Non piegatevi a tutto, battetevi se necessario, ma in ogni altro caso ascoltate l’esperienza di chi ne sa più di voi.

A questo punto il vostro libro verrà revisionato e pubblicato. La ricerca sarà finita e comincerà la fase di promozione. Un bravo autore, infatti, deve anche sapersi mettere in gioco per promuovere il suo libro, possibilmente cominciando prima creando un blog o una buona posizione su alcuni social network, ma questa è un’altra avventura e mi sono già dilungata troppo.

Romina Tamerici, autrice di  Voliamo Insieme con la Fantasia  e  La mia amica Clorinda , scrive poesie, racconti,  favole per bambini e brevi romanzi. Alcune sue poesie sono state inserite in antologie di premi letterari nazionali. Frequenta il secondo anno del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria e ama fare animazioni creative per bambini. Da luglio ha aperto anche un blog per parlare dei suoi libri e di scrittura in generale.

Un ringraziamento a Romina per aver voluto dividere con noi le sue esperienze, e contribuito a rendere interessante e utile questo blog, in verità in misura maggiore di quanto normalmente riesca a fare io.
Carlo Mocci

Annunci

3 thoughts on “Guest Post: Romina Tamerici – La dura vita dell’autore in cerca di un editore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...