Consigli d’autore: Jonathan Coe

“La banda dei brocchi”, “La casa del sonno” e, soprattutto, “La famiglia Winshaw”. Sono questi probabilmente i romanzi più noti di Jonathan Coe, considerato a ragione uno dei più originali e noti scrittori britannici degli ultimi vent’anni.
Nato nel 1961, ha cominciato presto, a scrivere: la sua prima opera, “Donna per caso”, è del 1987, ed è stato un discreto successo. In Italia il primo romanzo pubblicato è stato probabilmente anche il suo migliore, “La famiglia Winshaw”, edito da Feltrinelli nel 1995. Racconta la storia di una famiglia britannica attraverso gli anni ottanta, di quelle famiglie con il potere, quello vero, che porta a incarichi di Governo o ai vertici del mondo economico e produttivo.
E sviluppa un intreccio sottile come un ricamo e raffinato come un quadro di Klimt.
L’intreccio familiare è proprio la caratteristica principale delle opere di Jonathan Coe: le trame si sviluppano attraverso i decenni, collegano l’infanzia con la maturità, mettono insieme il presente con il passato remoto.
L’altra caratteristica fondamentale è che l’ambientazione, ovvero l’Inghilterra, che sia quella degli anni ottanta oppure quella degli anni novanta e duemila, non è un semplice sfondo, uno scenario. Ciò che dà alle opere di Coe una caratteristica tutta loro è l’ambientazione è parte fondamentale della storia, l’atmosfera sociale, culturale, politica è resa con sofisticata precisione. Perché Coe è un maestro nel rendere lo spirito dei tempi. E il protagonista, che spesso è una persona con un approccio alla vita non semplice, non “easy”, ma anzi difficoltoso, complicato, doloroso a volte, viene calato in quella ambientazione integrandosi alla perfezione.
Se ci si vuole avvicinare al mondo di Jonathan Coe, suggerisco di farlo con La famiglia Winshaw o con i romanzi successivi, evitando inizialmente le sue prime opere, meno valide e di minore impatto per chi non conosca ancora questo autore.
Da segnalare che Coe ha scritto anche alcune biografie.

Bibliografia

Romanzi
Donna per caso (The Accidental Woman, 1987) (Feltrinelli, 2003)
L’amore non guasta (A Touch of Love, 1989) (Feltrinelli, 2000)
Questa notte mi ha aperto gli occhi (The Dwarves of Death, 1990) (Polillo, 1996 – Feltrinelli, 2008)
La famiglia Winshaw (What a Carve Up!, 1994) (Feltrinelli, 1995)
La casa del sonno (The House of Sleep, 1997) (Feltrinelli, 1998)
La banda dei brocchi (The Rotters’ Club, 2001) (Feltrinelli, 2002)
Circolo chiuso (The Closed Circle, 2004) (Feltrinelli, 2005)
La pioggia prima che cada (The Rain Before It Falls, 2007) (Feltrinelli, 2007)
I terribili segreti di Maxwell Sim (The Terrible Privacy of Maxwell Sim, 2010) (Feltrinelli, 2010)

 Biografie
Caro Bogart. Una biografia (Humphrey Bogart: Take It and Like It, 1991) (Feltrinelli, 2004) (precedentemente pubblicato come Humphrey Bogart. Suonala ancora, Sam, Gremese, 1992)
James Stewart. Un uomo qualunque in situazioni eccezionali (James Stewart: Leading Man, 1994) (Gremese, 1996)
Come un furioso elefante. La vita di B. S. Johnson in 160 frammenti (Like a Fiery Elephant: The Story of B. S. Johnson, 2004) (Feltrinelli, 2011)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...