I miei libri del 2011

Ho l’abitudine, da vari anni, di segnare nelle prime pagine, una volta finito un libro, l’anno nel quale l’ho letto.
C’è un motivo, sicuramente c’è; ma io non lo conosco. O meglio, non lo conosco con sicurezza. Penso sostanzialmente che sia per sapere quanti ne ho letto, e anche in che anno ho letto quel tale libro che mi è piaciuto molto o cose così; però, comunque, qualunque sia il motivo, questa abitudine mi consente di fare una sorta di “bilancio” dei libri letti, e magari azzardare qualche consiglio di lettura.
A questo punto dell’anno ne ho letto un numero tra 35 e 38 (ne ho qualcuno in giro in prestito, e siccome la mia memoria se è di ferro è di ferro arrugginito non riesco a essere più preciso); vediamo quali mi sentirei di consigliare.
Il primo, probabilmente, è “Una cosa da nulla”, di Mike Haddon, noto per aver scritto “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte”. E’ la storia di una famiglia che si attacca ad un’idea disperata di normalità per raggiungere la felicità, ma solo alla fine capirà che la felicità passa per la mutua accettazione di ciò che si è. Bellissimo.

Continuiamo. Ho scoperto un autore italiano di gialli molto originale, Maurizio De Giovanni,del quale ho letto “La condanna del sangue”. Ambientato nella Napoli del Ventennio fascista, racconta le indagini di un poliziotto dotato di poteri soprannaturali (anche se questi non invadono mai la storia, ma sono solo a contorno). Lo segnalo senza esitazioni.
Ho letto poi un’opera considerata un caposaldo della controcultura, ovvero “Pesca alla Trota in America”, di Richard Brautighan. Racconta di una non ben identificata identità multiforme che è appunto Pesca alla Trota in America, entità che assume via via le sembianze di un barbone, di uno stato mentale, di un alberghetto gestito da cinesi eccetera eccetera. Da leggere.
E poi, due mostri sacri: Carver (Principianti) e Joyce Carol Oates (La ballata di John Reddy Heart). Su entrambi parere estremamente positivo, ma difficilmente sarebbe potuto essere diversamente.
Poi ci sono quelli che non mi sono piaciuti affatto; ma ne parlerò più in là.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...